top of page

Lesioni personali colpose

Lesioni personali colpose (Art. 590 c.p.)

Il delitto di lesione personale, previsto e punito dall'art. 590 c.p., tutela l'incolumità individuale.

E’ un reato di danno e può essere commesso da chiunque.

L'art. 590 c.p. punisce chiunque cagioni a taluno, per colpa, una lesione personale.

Tale reato è punito, dunque, solo a titolo di colpa, e si consuma nel momento in cui si verifica la malattia.

La pena prevista per il reato di cui all'art. 590 c.p. è la reclusione fino a 3 mesi o la multa fino a euro 309.

Se la lesione è grave, la pena è della reclusione da uno a sei mesi o della multa da euro 123 a euro 619;

Se la lesione è gravissima, a pena è della reclusione da tre mesi a due anni o della multa da euro 309 a euro 1.239.

La procedibilità è a querela di parte, salvo per le eccezioni previste dall'ultimo comma dell'art. 590 c.p..

L’autorità giudiziaria competente è il Giudice di pace limitatamente alle fattispecie perseguibili a querela di parte.

Sono escluse però, quelle fattispecie connesse alla colpa professionale e dei fatti commessi con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro o relative all'igiene del lavoro o che abbiano determinato una malattia di durata superiore ai 20 giorni. In tali casi, competente è il Tribunale monocratico, così come per le ipotesi aggravate.



Lesioni personali colpose
Lesioni personali colpose


Comments


bottom of page