top of page

L'ESECUZIONE PENALE

L’esecuzione penale


IL GIUDICATO

Giudicato, in senso formale, esprime l’immutabilità della sentenza.

Sono irrevocabili le sentenze e i decreti penali contro i quali non è più ammessa impugnazione.

Giudicato, in senso sostanziale, esprime l’autorità e la vincolatività della sentenza in ambito penale ed extrapenale.

La stabilità del giudicato è garantita dalla regola del "ne bis in idem":

  • l’imputato, condannato o prosciolto, non può essere sottoposto ad un nuovo procedimento per lo stesso fatto.

Le sentenze di condanna irrevocabile vanno annotate per opportuna conoscenza nel Casellario Giudiziale.


EFFICACIA DEL GIUDICATO PENALE IN ALTRI GIUDIZI

Nel nostro sistema, la pregiudizialità del giudicato penale, nel separato giudizio civile, dipende dalla tempestività o meno con cui sia stata esercitata l’azione civile:

  • se l’azione civile è stata esercitata in modo tempestivo, cioè prima che nel processo penale si sia giunti a sentenza di primo grado, la sentenza di assoluzione in sede penale non pregiudica la causa civile

  • se l’azione civile è stata esercitata in modo intempestivo, il processo civile deve essere sospeso fino a che la sentenza penale non diventi irrevocabile.


La sentenza irrevocabile di condanna ha efficacia di giudicato nei giudizi civili e amministrativi, promossi sia contro l’imputato sia contro il responsabile civile, se citato o intervenuto.


IL PROCEDIMENTO DEL GIUDICE DELL’ESECUZIONE

Il P.M., l’interessato o il suo difensore, possono proporre, ex art. 666 c.p.p., l’incidente di esecuzione, per risolvere le questioni attinenti alla esecuzione, disciplinate negli articoli 667, 676. In particolare per:

  • l’accertamento della identità fisica del detenuto

  • la correzione grafica delle generalità dell’imputato condannato

  • l'applicazione dell’amnistia o dell'indulto

  • l'applicazione di una nuova legge

  • l'inesistenza o non esecutività del presunto titolo esecutivo.


LA MAGISTRATURA DI SORVEGLIANZA

La magistratura di sorveglianza si articola in:

  • un organo monocratico (Magistrato di sorveglianza)

  • un organo collegiale (Tribunale di sorveglianza)

A volte si pongono entrambi come giudici di primo grado, o come giudici rispettivamente di primo o di secondo grado.

Magistrato di sorveglianza è quindi il magistrato che si occupa della sorveglianza e dell’esecuzione della pena.



esecuzione penale
Esecuzione penale

Comentários


bottom of page