top of page

GLI ATTI PRELIMINARI AL DIBATTIMENTO

Gli atti preliminari al dibattimento

Il giudizio prevede:

  • fase introduttiva degli atti preliminari al dibattimento

  • momento iniziale degli atti introduttivi

  • istruzione dibattimentale

  • decisione.

Al dibattimento si giunge attraverso:

  • rinvio a giudizio disposto dal G.U.P. dopo l'udienza preliminare

  • provvedimento di prosecuzione del giudizio dibattimentale, disposto dal Giudice dell’Udienza predibattimentale;

  • decreto di citazione a giudizio immediato disposto dal G.I.P., anche a seguito di opposizione a decreto penale di condanna

  • giudizio direttissimo


FASE DEGLI ATTI PRELIMINARI AL DIBATTIMENTO

Si tatta della fase che intercorre tra:

  • il momento in cui il giudice dibattimentale è investito del processo

  • e il momento in cui ha effettivamente inizio l’udienza dibattimentale.

In questa fase vi sono una serie di attività:

  • ricezione del decreto che dispone il giudizio, in cui vi è indicata anche la data e l’ora dell’udienza

  • deposito in cancelleria del giudice, del fascicolo per il dibattimento (le parti possono estrarne copia)

  • eventuale emissione di decreto del presidente del collegio per spostare la data dell’udienza dibattimentale

  • deposito in cancelleria, almeno 7 giorni (liberi) prima del dibattimento, della lista dei testi, periti e dei consulenti, di cui le parti intendono chiedere l’esame, con la indicazione delle circostanze su cui deve vertere l’esame. Va anche depositata l’eventuale istanza di acquisizione di verbali di prove raccolte in altro procedimento (ratio: non introdurre, nel dibattimento, prove e sorpresa).


La presentazione della lista abilita la parte a presentare direttamente le persone da esaminare in udienza.

Tuttavia, affinché queste persone compaiano più facilmente al dibattimento, è possibile chiedere al presidente del collegio un decreto autorizzatorio per eseguire la formale citazione dei testi.

  • Il presidente può escludere, a titolo provvisorio, le testimonianze vietate della legge e quelle manifestamente sovrabbondanti.

Può aversi un eventuale proscioglimento predibattimentale,nel caso in cui il reato è estinto o manca una condizione di procedibilità.

La sentenza di non doversi procedere può essere pronunciata solo dopo aver sentito le parti e in assenza di loro opposizione. La sentenza è inappellabile, ma ricorribile per Cassazione.

La sentenza di non doversi procedere è pronunciata anche quando l'imputato non è punibile ai sensi dell'articolo 131-bis c.p., previa audizione in camera di consiglio anche della persona offesa (se compare).



atti preliminari al dibattimento
Gli atti preliminari al dibattimento

Comments


bottom of page