top of page

Caratteri generali del processo penale

CARATTERI GENERALI DEL PROCESSO PENALE

  • Strumentalità: funzione subordinata del diritto processuale rispetto al corrispondente diritto sostanziale

  • Formalità: il modo di essere, la ritualità, le formule attraverso cui le attività si manifestano

  • Giurisdizionalità: presenza nel processo di un organo obiettivo ed imparziale con poteri di decidere e giudicare.


STRUMENTALITA’ DEL PROCESSO PENALE "Nulla poena sine judicio"

Nell'illecito civile, l’autore può sottrarsi al giudizio civile pagando o restituendo la somma dovuta.

Nel procedimento penale, per i reati procedibili d'ufficio, alle parti non è dato accordarsi sulla sussistenza dell’illecito penale e sulla sanzione consequenziale.

Lo strumento del processo può non pervenire al giudizio di merito (e quindi all’applicazione della norma penale) se:

  • vi sono ragioni di indole processuale (come ad es. difetto di condizioni di procedibilità)

  • vi sono eventi di natura sostanziale (come ad es. cause estintive del reato)

FORMALITA’ DEL PROCESSO PENALE

Il processo penale in passato era molto rigoroso nelle forme.

Oggi tale rigidità è svanita, eccezion fatta per l’esigenza del rispetto di alcune formalità processuali quali:

  • Nullità

  • Inutilizzabilità

  • Decadenza

  • Inammissibilità

Ad esempio, ai sensi e agli effetti dell'art. 568 co. 5 c.p.p., l’esercizio del diritto di impugnazione è ammissibile, indipendentemente dalla qualificazione ad essa data dalla parte che l’ha formulata e dalla competenza o meno del giudice innanzi cui è proposta.

Dunque, si riconosce valido come appello, un’impugnazione formulata con ricorso per Cassazione e viceversa.

Altro esempio, all’art. 78 c.p.p. è stato introdotto, dalla c.d. Riforma Cartabia, un nuovo comma 1-bis, volto a facilitare la costituzione mediante sostituzione, prevedendo che “Il difensore cui sia stata conferita la procura speciale ai sensi dell’articolo 100, nonché la procura per la costituzione di parte civile a norma dell’articolo 122, se in questa non risulta la volontà contraria della parte interessata, può conferire al proprio sostituto, con atto scritto, il potere di sottoscrivere e depositare l’atto di costituzione”.


GIURISDIZIONALITA’ DEL PROCESSO PENALE

L'esercizio della giurisdizione è una della tre funzioni principali dello Stato (al pari di quella legislativa e amministrativa).

La giurisdizione può essere definita come “la potestà dello Stato volta a garantire la concreta applicazione delle norme dell’ordinamento attraverso l’opera di un giudice”.

La giurisdizione penale ha per oggetto l’eventuale accertamento della responsabilità per la commissione di un fatto di reato e la conseguente applicazione delle sanzioni penali.

Ex art. 1 c.p.p. "La giurisdizione penale è esercitata dai giudici, previsti dalle leggi di ordinamento giudiziario".

Sono previsti casi di giurisdizione speciale, quali ad es. il Tribunale militare e la Corte Costituzionale.

L’esercizio della funzione giurisdizionale è presidiata da garanzie costituzionali.

  • Tutela dell’imparzialità del giudice, e garanzie dell'imputato e delle altre parti processuali

  • (101 Cost.) La giustizia è amministrata in nome del popolo italiano, da giudici soggetti solo alla legge.

  • (104 Cost.) La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente

  • (25 Cost.) Nessuno può essere distolto dal giudice naturale precostituito per legge

  • (102 co. 2 Cost.) è vietata l’istituzione di giudici straordinari

  • (13 Cost.) La libertà personale è inviolabile e può essere limitata solo per ordine motivato della autorità giudiziaria

  • (24 Cost.) La difesa è un diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento

  • (111 Cost.) La giurisdizione si attua mediante il giusto processo regolato dalla legge.

Il Giudice pertanto è un soggetto imparziale, obiettivo ed indipendente, titolare di molteplici poteri:

  • la presenza del giudice nelle indagini preliminari è tendenzialmente esclusa

  • la conduzione delle investigazioni compete esclusivamente al P.M. e alla P.G. su delega del P.M.; salvo, naturalmente, la possibilità del difensore dell’indagato di poter espletare indagini difensive;

  • il G.I.P. interviene per controllare le investigazioni allorché queste interferiscano con beni costituzionalmente tutelati, ovvero in caso di inerzia del P.M. sulla discovery degli atti, come previsto dal novellato art. 415-bis c.p.p..



Caratteri generali del processo penale
Caratteri generali del processo penale

Comments


bottom of page